IRIS – Unprintable

IRIS – Unprintable

 

Liberamente ispirato alla Saga IRIS di Maurizio Temporin, ed. Giunti


Drammaturgia:
 Andrea Lanza e Maurizio Temporin

Regia: Andrea Lanza

Responsabile tecnico: Gian Domenico Solari

Interpreti: Laura Formenti, Monica Massone

 

Cenni sull’opera di partenza

Spin – off della saga omonima dello scrittore Maurizio Temporin

Sinossi
Il tema principale dello spettacolo è una riflessione sulla relazione tra Scienza ed Etica.
Una relazione che crediamo, oggi più ancora che nel recente passato, sia un argomento di attualità per ragazzi completamente immersi in una tecnologia dai confini sempre meno certi.
Per affrontare questa tematica vengono evocati argomenti che attengono indifferentemente all’universo della scienza come a quello dell’arte o delle scienze umanistiche: fisica quantistica e newtoniana, filosofia e misticismo d’occidente e d’oriente, letteratura, fumetto, cinema, musica, videoarte, serie TV, compongono un intreccio pop che trova la sua contemporaneità nella leggerezza e nella facilità con cui viene assemblato e, dal punto di vista compositivo, nel fondarsi sulle visioni che Bourriaud ha condiviso nel suo famoso saggio Postproduction1.
E, soprattutto in quest’ultima tematica, è l’impianto visivo stesso dello spettacolo a proporre alcuni dei temi o dei sotto-temi connessi alla drammaturgia, in modo diretto e suggestivo: l’utilizzo di ologrammi e di proiezioni, assottigliano sulla scena la separazione tra ciò che è reale e ciò che è finzione ma anche tra ciò che chiamiamo materiale e ciò che chiamiamo immateriale, riuscendo ad alludere a più riprese all’esistenza di differenti campi vibrazionali, di differenti universi, di differenti “realtà” rispetto a quelle che siamo abituati a considerare, generando appassionanti intrecci tra scienza, intuizione e filosofia, che pongono positivamente in discussione, attraverso un gioco tra scienza, coscienza e fantascienza, anche il nostro quotidiano.

Sito ufficiale :  www.irisunprintable.tk  

Lascia un commento